Luoghi, fatti e persone di ieri visti con gli occhi di oggi.

Collezionismo per condividere e ricordare.

Il semaforo sul braccio

Curiosità dal passato

<a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/1941/">1941</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/domenica-del-corriere/">Domenica del Corriere</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/gennaio/">Gennaio</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/milano/">milano</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/oscuramento/">Oscuramento</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/semaforo/">Semaforo</a>

E’ il momento delle lampadine personali e gli inventori, aguzzando l’ingegno, hanno trovato ogni sorta di oggetti illuminanti per circolare durante l’oscuramento senza turbare l’oscurità. L’ultima di queste trovate è il semaforo sul braccio, portato per la prima volta in circolazione da una cittadina di Milano. Esso dispone di tre luci fisse: una luce bianca verso il basso per illuminare il terreno; una minuscola luce rossa posteriore per evitare al pedone un investimento, e due minuscole luci azzurre, anteriore e laterale, per indicare in che direzione il pedone cammina. Il tutto in uno scatolino fissato sul braccio.

Notizia apparsa su “La Domenica del Corriere” del gennaio 1941

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 ALTRE NOTIZIE DELLA CATEGORIA

La più piccola macchina fotografica?

Una delle più piccole macchine fotografiche di precisione è questa che vedete. Benché sia poco più grossa di un dito, contiene una pellicola per 50 pose ed è fornita di un obiettivo con scatto di un millesimo di secondo. La lente ha una lunghezza focale di quindici...

Il cannone che spegne gl’incendi

Difendersi contro il fuoco significa conservare preziosi beni. Ciò vale per tutti e in ogni caso, ma in modo particolare per stabilimenti, cantieri, aeroporti, ecc., specialmente in tempo di guerra, nel quale, a seguito d'incursioni aeree con relativo getto di bombe...

Il più vecchio sacerdote?

I sacerdoti sono spesso longevi; ma ecco, forse, chi fra essi può vantare il primato della longevità, e, beninteso, ancora nel pieno esercizio delle sacre funzioni. E' il canonico don Bartolomeo Maiorana, di Cassano Irpino in provincia d'Avellino, che compie in questo...

Il carro d’assalto anfibio

I tecnici degli Stati Uniti non abbandonano una delle più interessanti novità dell'ultima guerra: il carro d'assalto. è così abbiamo ora il tank anfibio, che dopo aver esaurito il suo compito in terraferma, si tuffa nell'acqua e continua la corsa trasportando la sua...

L’Inquilino fedelissimo

Nuovi Primati Non è vero che la fedeltà, nei suoi vari aspetti, sia una virtù del buon, tempo antico. In queste pagine abbiamo già accennato ai cospicui primati di fedeltà alla terra, al mestiere, ecc. Eccone ora uno non meno meraviglioso: la fedeltà dell'inquilino...

Nuovi metodi di locomozione

Pare che l'umanità sia presa attualmente, da una febbre speciale, la febbre della velocità nella traslazione. Bisogna correre, farsi portare lontano con la minore fatica dei nostri muscoli, bisogna escogitare nuovi metodi per volare sia per aria che per terra e per...

Per non spaventare i cavalli

Le curiosità dell'Ottocento Quando sembrava che le macchine automobili dovessero terrorizzare i cavalli, ci fu chi pensò a travestire da cavallo le prime vetture che del cavallo osavano fare a meno. L'idea fu messa in pratica, come qui si vede, nella seconda metà...

Un nuovo metodo di allenamento

Un nuovo metodo di allenamento che consiste in un gioco di pallone, mentre si corre in bicicletta - è stato inaugurato dai due corridori italiani Alfredo Dinale e Guglielmo Bossi, al Velodromo di Newark mentre si preparano per la recente << Sei giorni >>,...

Per atterrare nelle grandi città

L'incremento continuo della navigazione aerea richiama allo studio dei competenti un serio problema da risolvere: quello dell'atterramento in città. Una interessante soluzione del problema è offerta dal progetto che ha ideato il signor H. T. Hanson. Un'ampia strada a...

Perchè si dice « colore Isabella »?

Si usa questa strana denominazione per un Colore giallo chiaro linato, soprattutto parlando del mantello dei cavalli. Ora tal nome proviene, pare, da Isabella d'Austria, figlia di Filippo II di Spagna e sposa di Alberto figlio di Massimiliano II. Avendo essa seguito...

Share This