Luoghi, fatti e persone di ieri visti con gli occhi di oggi.

Collezionismo per condividere e ricordare.

La bicicletta a due posti.

Correva l'anno

<a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/1896/">1896</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/8-marzo/">8 marzo</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/biciclette/">biciclette</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/ciclista/">Ciclista</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/innovazioni/">innovazioni</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/la-tribuna/">La Tribuna</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/punnett-cycle/">Punnett Cycle</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/tandem/">Tandem</a>

Ancora una novità nella bicicletta, questo inesauribile obiettivo di innovazioni tecniche ed industriali.

Finora, per andare in bicicletta in compagnia non c’era che il tandem. Molto favorevole nelle corse, il tandem non lo è altrettanto nelle gite di piacere: i due compagni stanno l’uno dietro dell’altro: è difficile che possano parlare fra loro: quello davanti nasconde al compagno la vista del terreno.

Si eran inventate le sociabili, ma eran veicoli pesanti, a tre ruote, privi dei pregi della bicicletta o del tandem, privi di quell’equilibrio sulle due ruote che forma l’interesse ed il successo di questo sport modernissimo.

Ecco che una Società americana, di Rochester, la Punnett Cycle e O., ha cercato di risolvere il problema, creando il modello di cui presentiamo al lettore la riproduzione. Non si tratta insomma che d’una bicicletta a due posti paralleli, ciascuno dei ciclisti movendo la ruota posteriore mediante una catena diversa.

A tal uopo, la ruota posteriore è montata sur un lungo asse, alle cui estremità son disposti i due pedali ; il telaio aperto come nelle macchine per donne, è doppio, e riposa su quest’asse e sulla forca della ruota anteriore comandata, da un doppio manubrio. Le due ruote si trovano così caricate alla maniera del “bastò d’un mulo; ma pare non sia necessario, per mantenere l’equilibrio, che i due biciclisti abbiano lo stesso peso: una leggera inclinazione della macchina in moto, basta a compensare la differenza. Basta pure che uno solo dai due biciclisti sappia montare, per poter viaggiare con tutta sicurezza in due.

Si noterà sul disegno di sinistra che i due tubi dei due telai che sopportano i sellini sono fra loro collegate dà una sbarra trasversale che porta un pezzo atto a ricevere un sellino. Ciò permette di collocarvi una delle due selle quando si vuol montare la macchina da un solo ciclista. La posizione di quest’ultimo non è comoda; ma insomma basta par fare un breve tragitto, p. e., andare a prendere il compagno, o ricondurre la macchina in rimessa ecc..

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 ALTRE NOTIZIE DELLA CATEGORIA

Bottini e la cura delle Ferite

Benché sia stato, più volte, rivendicato alla scienza italiana, la gloria della scoperta relativa alle origini e alla natura infettiva delle malattie complicanti il decorso delle ferite (che ancora a metà del secolo scorso costituivano, per un'altissima percentuale,...

Le Calze « Minerali »

La calza di seta prima, poi quella di raion attraverso complesse rielaborazioni della cellulosa; adesso la calza « minerale ». La notizia giunge dall’America, dove da qualche mese sono in larghissima vendita calze tessute con filato prettamente minerale dalla fibra di...

Da quando si naviga sott’Acqua?

È molto diffusa l'opinione che il sommergibile sia una conquista della tecnica moderna. Così è infatti, ma non bisogna dimenticare che ogni scoperta o invenzione, di massima, ha qualche lontana origine. E la storia della navigazione subacquea ha origini più antiche di...

La tenda da campo Bucciantini

Abbiamo avuto occasione di assistere al rapido impianto di una nuova tenda da campo, ideata (e brevettata) dal cav. Emilio Bucciantini, maggiore del Genio nella riserva, e di apprezzarne così i pregi di praticità sotto tutti gli aspetti. Composta di 4 teli, di 4...

L’ampliamento del porto di Napoli

Il porto di Napoli, per la sua importanza speciale che ha nel servizio emigratorio che lo rende per questo fatto il primo del Regno, e per lo sviluppo commerciale sempre crescente della città, specialmente in considerazione del sorgere del quartiere industriale, fu...

Monumento ai caduti per le patrie battaglie a Grosseto

Riproduciamo il monumento ai caduti per le patrie battaglie inauguratosi l'11 giugno ultimo scorso a Grosseto. Il monumento è sorto a cura della locale Società dei reduci, col concorso delle Società consorelle della provincia e dei comuni. Ne è autore l'ingegnere...

Festa dei gigli a Nola

L'estate, in Italia, è la stagione delle feste popolari: feste tradizionali, in relazione con solennità religiose, che nei vari luoghi assumono forme diverse e presentano diversi caratteri: dalla città delle lagune a quelle della Sicilia quale varietà di tipi, di...

Condividi