Luoghi, fatti e persone di ieri visti con gli occhi di oggi.

Collezionismo per condividere e ricordare.

Le Calze « Minerali »

Correva l'anno

<a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/1941/">1941</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/calze/">Calze</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/domenica-del-corriere/">Domenica del Corriere</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/fibra-66/">fibra 66</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/nylon/">Nylon</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/storia-dei-collant/">Storia dei Collant</a> | <a href="https://www.nonsolocartoline.com/tag/wallace-hume-carothers/">Wallace Hume Carothers</a>

La calza di seta prima, poi quella di raion attraverso complesse rielaborazioni della cellulosa; adesso la calza « minerale ».

La notizia giunge dall’America, dove da qualche mese sono in larghissima vendita calze tessute con filato prettamente minerale dalla fibra di originalissima struttura molecolare ottenuta dai semplici elementi dell’azoto e del carbonio.

Nella prima giornata in cui furono messe in vendita le calze di quella « seta minerale » cui è stato dato il caratteristico nome di nylon (un qualunque nome eufonico, senza preciso significato, ma simile ai notissimi nomi di cotton e raion), in quella sola giornata furono vendute cinque milioni di paia di calze da donna negli Stati Uniti: e la vendita ha continuato con crescente successo.

Le calze di nylon, che per ora sono vendute a prezzo molto alto, avrebbero però più tenace resistenza di quelle di seta e di fibre vegetali, si manterrebbero di freschissimo aspetto dopo lungo uso e sono, — si dice, — incombustibili.

Ma la maggior parte delle donne americane che usano le calze di nylon ignora la tragedia scientifica che ha dato origine alla scoperta della « fibra 66 » brevettata il 9 aprile del 1937 dal dottor Wallace Hume Carothers dopo nove anni di studi tenaci e intesi a svelare il mistero dell’architettura submicroscopica della Natura nel processo di polimerizzazione, cioè di riunione delle minori molecole in una molecola gigante che è detta polimero.

Per nove anni la ricerca scientifica pura fu diretta a riprodurre in laboratorio prima, poi in uno stabilimento sperimentale polimeri lineari, per ottenerne un filamento robusto e tenace, elastico e resistente all’abrasione: la lunga battaglia scientifica diretta a trasformare carbonio ed idrogeno, azoto ed ossigeno in modelli prestabiliti ebbe l’esito felice che ora industria e commercio stanno sfruttando. Ma venti giorni dopo d’aver brevettato la sua fibra interamente sintetica, Wallace Hume Carothers, prostrato dalla titanica fatica novennale, si uccise ingerendo veleno in un albergo di Filadelfia.

La molecola gigante da lui composta continua intanto a diffondersi in sempre più vasti mercati, non soltanto per la fabbricazione di calze femminili ma di altri numerosi e vari articoli di vestiario, di igiene, di ornamento e di utilità…

I.

Articolo pubblicato su “La Domenica del Corriere” del 26 gennaio 1941

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 ALTRE NOTIZIE DELLA CATEGORIA

Bottini e la cura delle Ferite

Benché sia stato, più volte, rivendicato alla scienza italiana, la gloria della scoperta relativa alle origini e alla natura infettiva delle malattie complicanti il decorso delle ferite (che ancora a metà del secolo scorso costituivano, per un'altissima percentuale,...

Da quando si naviga sott’Acqua?

È molto diffusa l'opinione che il sommergibile sia una conquista della tecnica moderna. Così è infatti, ma non bisogna dimenticare che ogni scoperta o invenzione, di massima, ha qualche lontana origine. E la storia della navigazione subacquea ha origini più antiche di...

La bicicletta a due posti.

Ancora una novità nella bicicletta, questo inesauribile obiettivo di innovazioni tecniche ed industriali. Finora, per andare in bicicletta in compagnia non c'era che il tandem. Molto favorevole nelle corse, il tandem non lo è altrettanto nelle gite di piacere: i due...

La tenda da campo Bucciantini

Abbiamo avuto occasione di assistere al rapido impianto di una nuova tenda da campo, ideata (e brevettata) dal cav. Emilio Bucciantini, maggiore del Genio nella riserva, e di apprezzarne così i pregi di praticità sotto tutti gli aspetti. Composta di 4 teli, di 4...

L’ampliamento del porto di Napoli

Il porto di Napoli, per la sua importanza speciale che ha nel servizio emigratorio che lo rende per questo fatto il primo del Regno, e per lo sviluppo commerciale sempre crescente della città, specialmente in considerazione del sorgere del quartiere industriale, fu...

Monumento ai caduti per le patrie battaglie a Grosseto

Riproduciamo il monumento ai caduti per le patrie battaglie inauguratosi l'11 giugno ultimo scorso a Grosseto. Il monumento è sorto a cura della locale Società dei reduci, col concorso delle Società consorelle della provincia e dei comuni. Ne è autore l'ingegnere...

Festa dei gigli a Nola

L'estate, in Italia, è la stagione delle feste popolari: feste tradizionali, in relazione con solennità religiose, che nei vari luoghi assumono forme diverse e presentano diversi caratteri: dalla città delle lagune a quelle della Sicilia quale varietà di tipi, di...

Share This